Caricamento… Siteland

Facebook ha introdotto una nuova simpatica caratteristica: scrivendo alcune parole specifiche vengono mostrate delle animazioni a tema.

Scrivendo nei nostri post o commenti parole come "congratulazioni", "complimenti", "baci" o "da paura" alla pubblicazione mostreranno un'animazione correlata. Queste "parole speciali" resteranno evidenziate nei post (colorate di rosso e fucsia) e ogni click (o tap su smartphone) su di esse visualizzerà l'effetto. Su tablet e cellulari si potrà sentire anche l'audio di tali animazioni del testo. 

Lista delle parole colorate con animazioni 

Gli effetti del testo disponibili attualmente su Facebook sono pochi: 

  • Congratulazioni, complimenti mostrano un'animazione con palloncini, stelle filanti e coriandoli (le parole sono colorate di rosso)
  • Baci, Xoxo generano dei cuori animati (i termini vengono colorati di rosso)
  • Da paura mostra un effetto con i pollici in su (le parole sono di color fucsia)

La lista completa delle parole è più lunga, ma sono sinonimi e traduzioni degli stessi termini in più lingue. 

Il futuro degli effetti del testo 

Il primo esperimento con testo e animazioni di Facebook risale al 26 Giugno: un easter egg che celebrava il 20° anniversario dei libri di Harry Potter. Scrivendo nei post o commenti, termini come: Harry Potter, Slytherin, Gryffindor, Hufflepuff, Ravenclaw veniva visualizzata un'animazione di una bacchetta magica. Animazioni simili erano state introdotte anche durante la giornata della Terra e la Festa della Mamma.

Se, come probabile, Facebook riterrà un successo queste animazioni del testo, col passare del tempo verranno introdotti sempre più effetti. Con tag, hashtag e "parole magiche" anche una componente statica come il testo diverrà sempre più dinamica ed interattiva. 

Noi di Siteland teniamo un corso sui social network (fra cui Facebook) dedicato alle aziende, verranno insegnate le basi della gestione social aziendale e buone pratiche sui social network più utilizzati con l'aiuto anche di strumenti online e risorse esterne.

Commenti

Condividi nei social network

Newsletter

Iscriviti alla newsletter